martedì 9 gennaio 2018

Red Passion dal 18 gennaio al Mirafiori Galerie To


Red Passion dal 18 gennaio 2018 in esposizione nella prestigiosa galleria d'arte contemporanea del Mirafiori Motor Village di piazza Cattaneo a Torino.



mercoledì 31 maggio 2017

MotoGP Mugello 2017: tutte le moto di Hayden in esposizione!


Questo fine settimana andrà in scena il Gran Premio d'Italia del Motomondiale, previsto sul tracciato toscano del Mugello. A più di una settimana dalla morte di Nicky Hayden la MotoGP ha preparato una bella iniziativa proprio per la gara italiana, con l'intento di ricordare nel migliore dei modi il 35enne campione del mondo 2006 della classe regina delle due ruote. Honda, Ducati e Aspar porteranno le moto usate da Nicky nell'arco della sua carriera nella MotoGP e saranno esposte sul tracciato italiano il prossimo fine settimana. Oltre alle 1000 di MotoGP, saranno esposte anche le due Honda utilizzate da "Kentucky Kid" in World Superbike nel corso delle ultime due stagioni, dunque la CBR1000RR SP Fireblade e la nuova CBR1000RR SP2 Fireblade con cui ha corso sino all'appuntamento di Imola, svolto poco prima del fatale incidente mentre si allenava in bicicletta nei pressi dell'Autodromo Marco Simoncelli di Misano Adriatico. Ricordiamo che Hayden ha perso la vita il 22 maggio in seguito alle gravi lesioni al cervello riportate nell'incidente avvenuto il 17 maggio, quando è stato investito da un automobilista all'incrocio tra via Ca' Raffaelli e via Tavoleto riportando gravissime conseguenze al cervello (ma anche altre ferite a livello osseo). La salma di Hayden è stata rimpatriata nel fine della settimana scorsa tramite un volo privato organizzato dalla famiglia e il funerale del campione sarà celebrato il 29 maggio alle ore 19:00 italiane nella città natale di Nicky, Owensboro. 

domenica 14 maggio 2017

WSBK Imola : doppietta Ducati Aruba Team


Dopo una sfortunata gara della Supersport (osticipata dopo gara 2), l’inizio della gara della Superbike non è dei migliori: al primo giro, Ayrton Badovini rompe il motore all’uscita della Variante Alta, l’italiano non si toglie dalla traiettoria e cosparge d’olio la pista. Necessaria la bandiera rossa, con i commissari al lavoro con numerosi secchi di filler. “Graziato” Davies, autore di una partenza non convincente.  Nella ripartenza Sykes concretizza la Pole, ed è seguito da uno straordinario Leon Camier che sembra riuscire a tenere il passo; purtroppo la gara della MV Agusta termina al 3° settore del 2° giro. Davies e Rea partono bene, ma il nordirlandese mentre era in 4a piazza taglia erroneamente l’ultima chicane, lasciando spazio alle Ducati di Davies, Melandri e Forès.  Davies si accende al 4° giro, quando stacca un crono di 1’46”9, e poi all’ultima chicane del sesto giro infila Sykes con un sorpasso perfetto: un boato parte dagli spalti di Imola. Da quel momento fino alla bandiera a scacchi, la testa della corsa è del gallese, che centra così la seconda doppietta consecutiva ad Imola con la Panigale. Si tratta della terza vittoria stagionale, nonché la numero 29 della carriera. Alle sue spalle chiude Jonathan Rea (2°), che sorpassa Tom Sykes (3°) alla Tosa a 7 giri dalla fine. Per la “medaglia di legno” c’è Xavi Forès che vince la battaglia tutta Ducati con Marco Melandri. Eugene Laverty (7°) si “infila” tra le Yamaha di Alex Lowes (6° e staccato di 32 secondi dalla vetta) e Michael Van Der Mark (8°). Jordi Torres, che ieri non ha corso per problemi di salute, chiude 9° davanti all’argentino Leandro Mercado che completa la Top 10. 13° Lorenzo Savadori, giornata no per le Honda, rispettivamente 12a con Hayden e 14a con Bradl. Fuori dalla zona punti Raffaele De Rosa (16°), oltre a Camier non terminano la corsa Russo e De Angelis.